Teach Talk

Perché gli studenti non frequentano le lezioni

Tom Clay e Lori Breslow

Sei insoddisfatto della partecipazione alle tue lezioni? Ti chiedi cosa stanno pensando i tuoi studenti quando saltano le lezioni? Se hai risposto ” sì ” a entrambe le domande, sarai interessato a ciò che gli studenti 47 hanno detto in risposta a un recente sondaggio via email sui loro atteggiamenti nei confronti delle lezioni. Questo articolo affronta i risultati di tale indagine, tra cui (1) atteggiamenti generali degli studenti circa la frequenza delle lezioni; (2) l’importanza di vari fattori che considerano nel decidere se partecipare; (3) il processo di pensiero che usano per prendere quelle decisioni; e (4) le loro raccomandazioni per garantire alti tassi di partecipazione. Clicca qui per conoscere il sondaggio.

Gli atteggiamenti generali degli studenti sulla frequenza delle lezioni

Abbiamo scoperto che gli atteggiamenti degli studenti nei confronti delle lezioni variano ampiamente, da “Non mi mancano mai” a “sono inutili”, con la maggior parte delle risposte che cadono da qualche parte nel mezzo. La maggior parte degli studenti ha riferito che cercano di frequentare le lezioni, e di solito lo fanno, mancandoli di volta in volta come risultato di conflitti accademici, extrascolastici o personali.

Quando è stato chiesto di stimare la percentuale delle lezioni che frequentano, circa due intervistati su tre (67%) hanno stimato che frequentano almeno il 90%, tre su quattro (76%) che frequentano almeno il 75% e più di nove su 10 (93%) che frequentano almeno la metà.

Fattori decisionali e loro importanza

I risultati del sondaggio indicano che il fattore più importante per decidere se frequentare le lezioni è la qualità e la chiarezza delle lezioni, seguite da scadenze contrastanti per altre classi, l’uso da parte del professore di esempi pertinenti e la capacità del professore di coinvolgere e intrattenere gli studenti.

Presenza di Fattori di

Importanza Relativa dei Fattori Utilizzati per Decidere la Frequenza alle conferenze,
(clicca sull’immagine per ingrandire)

La figura riporta vari fattori dalla media più alta importanza punteggio più basso (basato su una scala di cinque punti, in cui 1 è “per niente importante” e 5 è “estremamente importante”).

Nel creare l’elenco dei fattori che abbiamo chiesto agli studenti di valutare, abbiamo cercato di adottare il loro punto di vista, ma abbiamo scoperto dai loro commenti scritti che non avevamo previsto quanto segue:

  • Se gli studenti si aspettano di imparare dalla lezione – Se gli studenti non si aspettano di imparare dalle lezioni, sono meno propensi a partecipare. “La cosa più importante in assoluto”, dice uno studente, ” è se sento che sto imparando qualcosa in classe.”Un secondo studente ha fatto eco a questa opinione, aggiungendo:” Se non sto imparando, perché andare?”
  • La difficoltà della classe e del materiale – Gli studenti dicono che se non trovano il materiale impegnativo o se stanno facendo bene in classe, possono decidere di assegnare il tempo che altrimenti spenderebbero per la classe – inclusa la partecipazione alle lezioni – a classi che trovano più impegnative, specialmente nei momenti più affollati e più carichi di pressione del semestre.
  • Come le lezioni si riferiscono a pset e test-Gli studenti hanno ritenuto che le lezioni dovrebbero essere allineate con ciò che appare nei compiti e nei test. Come ha detto uno studente, ” aving le lezioni si riferiscono direttamente ai set di problemi e materiali di prova è probabilmente il fattore più motivante per andare a lezione. Perché in questo modo, ciò che viene detto in classe può essere elaborato nel fare i set di problemi e posso vedere che sono sia utili che applicabili.”
  • Quanto sono interessati gli studenti alla materia – Non sorprende che gli studenti abbiano maggiori probabilità di frequentare le lezioni che trovano interessanti. A prima vista, questo può sembrare essere al di là del controllo del professore, ma almeno uno studente non sarebbe d’accordo: “Ciò che conta di più per me è quanto mi piace la classe. A volte una classe è buona perché è semplicemente un argomento interessante. Tuttavia, un argomento altrimenti noioso può diventare una classe interessante se il docente è in grado di presentare il materiale didattico in modo così chiaro e convincente che gli studenti non possono fare a meno di trovarlo interessante. Generalmente ho scoperto che se un docente trova veramente il materiale che sta insegnando , ed è in grado di connettersi con gli studenti attraverso lezioni (materiale presente in un modo che ha senso), allora non ha problemi a rendere il materiale interessante per gli studenti.”

Torna su

Il processo decisionale

I fattori decisionali sono discussi sopra come se ciascuno influenzasse gli studenti indipendentemente dagli altri, ma non è così. Al contrario, i commenti scritti chiariscono che gli studenti utilizzano in genere un processo decisionale molto pratico che considera una serie di fattori in combinazione, confrontando i vantaggi e gli svantaggi della frequenza delle lezioni, calcolando l’impatto sul loro carico di lavoro e tentando di ottimizzare il loro uso del tempo. Mentre gli studenti possono o non possono essere deliberati o sistematici nel prendere le loro decisioni, li spiegano in questo modo in retrospettiva. Alla luce di questo processo, i punteggi medi di importanza discussi sopra possono essere considerati come riflettenti, a livello aggregato, i pesi che gli studenti attribuiscono ai vari fattori nei loro calcoli decisionali globali.”

Raccomandazioni per garantire alti tassi di frequenza

Un certo numero di studenti ha offerto osservazioni su come i professori possono garantire alti tassi di frequenza. Alcuni di questi metodi-quiz pop, prendendo la partecipazione, e dando via le domande del test in classe – forza gli studenti a partecipare. Gli studenti si riferivano a questi metodi come “economici” e “medi”, l’implicazione è che un professore che li utilizza potrebbe raggiungere alti tassi di frequenza, ma non li guadagnerebbe. Altri metodi, hanno detto, rendono gli studenti vogliono partecipare. Come può un professore fare questo? La risposta facile è dire che lui o lei dovrebbe tenere lezioni bene e chiaramente, usare esempi pertinenti, coinvolgere gli studenti, programmare le lezioni nel pomeriggio, usare molte demo e allineare le lezioni con i pset e i test. Questo è un buon consiglio per quanto va, ma è di utilità solo limitata, dal momento che non suggerisce come queste cose possono essere fatte. Fortunatamente, alcuni degli stessi studenti che hanno fornito le altre intuizioni in questo articolo anche offerto consigli specifici su come dare grandi lezioni. I loro suggerimenti includono:

  • “È un vero piacere essere in grado di uscire … e sapere cosa è successo, e come tutto si adatta insieme …. Un modo per farlo potrebbe essere quello di finire le lezioni dimettendosi dalla posizione di professore, e prendendo il punto di vista degli studenti, per cercare di parlare di più a livello con loro. Come uno ‘studente’ potrebbe correre attraverso tutto ciò che aveva ‘imparato’ in quella classe, descrivendolo in ampio, colpi veloci. Poi gli studenti potevano partire, sapendo con sicurezza che ciò che sembrava così nuovo e travolgente solo pochi fa poteva essere spiegato in modo molto semplice.”
  • ” o rendiamo utili le lezioni, le nuove conoscenze devono essere integrate in ciò che già conosciamo. … deve essere continuamente relazionato con materiale noto, in modo che gli studenti possano fare le piccole connessioni che mantengono i nuovi fatti/concetti legati alla struttura della conoscenza esistente. Questo può essere fatto semplicemente dando verbalmente l’equivalente di direzioni dopo che ogni nuovo piccolo concetto è stato introduced introdotto. add Basta aggiungere, quindi questa equazione è venuta da _ _ _ … e ci dice___. …

“La cosa più importante per uscire da una conferenza con è la struttura complessiva delle nuove conoscenze acquisite – in sostanza come tutte le parti si incastrano. out senza questa super-struttura complessiva facts, i fatti non più che disgiunti che sembrano inutili e frustranti. quando le lezioni diventano sia prive di significato che frustranti e le persone smettono di andare.”

Torna su

Perché gli studenti non frequentano le lezioni Tom Clay e Lori Breslow Sei insoddisfatto della partecipazione alle tue lezioni? Ti chiedi cosa stanno pensando i tuoi studenti quando saltano le lezioni? Se hai risposto ” sì ” a entrambe le domande, sarai interessato a ciò che gli studenti 47 hanno detto in risposta a un…

Perché gli studenti non frequentano le lezioni Tom Clay e Lori Breslow Sei insoddisfatto della partecipazione alle tue lezioni? Ti chiedi cosa stanno pensando i tuoi studenti quando saltano le lezioni? Se hai risposto ” sì ” a entrambe le domande, sarai interessato a ciò che gli studenti 47 hanno detto in risposta a un…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.