Regola dei Terzi – Tutto quello che c’è da sapere

Qual è la Regola dei Terzi?

In fotografia, la regola dei terzi è un tipo di composizione in cui una foto è divisa uniformemente in terzi, orizzontalmente e verticalmente. Quindi, con la griglia immaginaria 3*3 di 9 segmenti formati da due linee orizzontali e verticali ciascuna, il soggetto dell’immagine viene posizionato all’intersezione di quelle linee divisorie o insieme a una delle linee stesse.

Quando si utilizza la regola dei terzi, ci sono quattro punti di interesse, e quelli sono nei punti di intersezione. In una situazione ideale, si dovrebbe mettere il soggetto su uno di questi punti di interesse. Tuttavia, quando si fotografano bambini o qualcos’altro che si muove non è sempre possibile. Va benissimo.

Ricorda, questa è solo una guida. Non è una regola dura e veloce. Inoltre, è possibile regolare costantemente l’immagine in post-elaborazione per assicurarsi che il soggetto è su uno dei punti di interesse.

Un’altra cosa da individuare è che è possibile avere un punto di interesse principale e quindi posizionare qualcos’altro su un punto di opzione intersecante, che crea una diagonale invisibile. Poiché le nostre menti sono sempre alla ricerca di forme, questo supporta l’immagine e ha senso per noi.

Chi ha inventato la Regola dei Terzi?

La Regola dei Terzi fu discussa per la prima volta nel 1797, il che è abbastanza sorprendente. Certo, non si trattava di fotografia, ma di pittura dove i principi erano gli stessi. A quel tempo, le persone discutevano l’equilibrio tra colori caldi e freddi e la quantità di pittura che ogni elemento dovrebbe occupare. Hanno detto che un terzo dovrebbe essere terra e acqua, e due terzi dovrebbero essere per aria e cielo. Questo è dove il concetto per il nome è venuto da.

Fonte immagine: Pretty Presets

Dipingere e catturare una foto può avere alcune cose in comune, ma il processo è molto diverso. All’interno della griglia, troverete le linee si intersecano in altri quattro punti. Questi sono i tuoi punti di interesse. È possibile visualizzare questa griglia mentre si vede attraverso il mirino. Oppure, puoi usare il display LCD della fotocamera utilizzato per inquadrare lo scatto che stai per scattare.

Questa regola è così popolare che quasi tutte le fotocamere digitali sono dotati di una regola di terzi griglia overlay. Devi solo abilitarlo mentre stai scattando foto.

Questa griglia ti aiuterà a posizionare gli elementi nel tuo scatto e inquadrare le parti più critiche della tua foto.

La regola dei terzi spiega che se metti il soggetto principale della tua immagine nei blocchi superiore, inferiore, sinistro o destro della griglia, acquisirai un’immagine perfetta ogni volta.

La regola diventa ancora più semplice di così. Per catturare una foto ben bilanciata, tutto quello che dovete fare è evitare di mantenere il soggetto principale nella casella centrale. Quando le persone guardano le immagini, i loro occhi sono naturalmente attratti da uno dei punti di interesse e non dal centro dell’immagine.

Come funziona la regola dei terzi?

Fonte immagine: Vocale

L’occhio umano gravita verso punti proprio oltre il centro di una foto. Questi punti sono chiamati i punti di intersezione su una regola di terzi griglia. Mentre le persone leggono il testo da sinistra a destra, leggono anche le immagini nella stessa direzione. Di conseguenza, la parte in basso a destra di un’immagine è la più visivamente arrestante. Al contrario, la parte in alto a sinistra è più probabile che venga trascurata.

Come utilizzare la regola dei terzi durante la fotografia?

Potrebbe essere necessario avere poca conoscenza della Regola dei Terzi per catturare immagini accattivanti. Per questo motivo, ecco alcuni suggerimenti su come implementare o utilizzare con successo la tecnica della regola dei terzi.

  1. In primo luogo, la maggior parte delle fotocamere e dei cellulari consente di abilitare una sovrapposizione a griglia nel mirino, che consente di comporre in movimento.
  2. Mantenendo il soggetto uguale e mettendolo sulle diverse terze righe, scatta quante più foto possibili.
  3. Quindi fotografa il punto morto del soggetto nell’inquadratura.
  4. Scatta un sacco di foto. Più tardi, date un’occhiata a loro e decidere quali ti piace di più.
  5. Quindi mostrali a qualcuno bravo in fotografia e chiedi loro di scegliere il migliore.
  6. Quando ritagli le tue foto nel software di editing, dovresti abilitare la stessa sovrapposizione sullo strumento di ritaglio. Questo può essere fatto in Photoshop, Lightroom, e strumenti Luminar.

Perché la regola dei terzi è importante?

Come sai come seguire la regola dei terzi, è essenziale capire perché è importante e cosa può fare per le tue immagini.

La regola dei terzi è di due cose:

  1. Equilibrio
  2. Dinamismo (movimento)

In primo luogo, il posizionamento di elementi critici alla regola dei terzi intersezioni o griglie rende la foto più equilibrata. Le tue caratteristiche chiave formano un interesse visivo in un terzo della composizione, bilanciando lo spazio vuoto nei restanti due terzi. Questo sembra grande e si sente appropriato per lo spettatore. Regola dei terzi aiuta a utilizzare in modo creativo lo spazio negativo in background ed eliminare le aree vuote che circondano il soggetto. Pertanto, questa tecnica ti aiuta a dare la priorità all’immagine e si concentra sul soggetto.

In secondo luogo, composizioni che comprendono elementi chiave smack-dab al centro della cornice; tali immagini spesso si sentono molto inattivo e noioso. Lo spettatore guarda la foto, vede il soggetto al centro, poi se ne va.

Ma la regola dei terzi sostiene il dinamismo. Lo spettatore osserva un elemento chiave di lato, quindi fa un tour visivo per tutto il resto dell’immagine.

In altre parole, la regola dei terzi composizione offre un’esperienza fotografica più coinvolgente.

Inoltre, la regola dei terzi porta avanti il modo in cui gli esseri umani vedono naturalmente le immagini. Ad esempio, gli studi dimostrano che gli occhi umani di solito vanno in uno dei punti di intersezione piuttosto che al centro dell’immagine. Quindi, la regola dei terzi serve con questo semplice modo di visualizzare un’immagine.

Come applicare la Regola dei Terzi ai ritratti?

Poiché nessun volto umano è perfettamente ben formato, applicare la regola dei terzi per la ritrattistica eccezionale:

  • Allinea l’occhio sinistro o destro del soggetto su uno dei due punti di intersezione superiori.
  • Allineare le spalle del soggetto lungo la terza linea della griglia inferiore, fornendo al soggetto un aspetto naturale e rilassato.
  • Disegna il tuo spettatore nel ritratto inclinando sottilmente il soggetto verso gli altri quadranti vuoti nella griglia.
  • Supponiamo di scattare un’immagine orizzontale per la fotografia di stampa. In tal caso, si desidera assicurarsi che non ci siano informazioni critiche al centro dell’immagine (che è ancora un altro motivo per utilizzare la regola dei terzi quando si compongono le foto).

Come applicare la regola dei terzi ai colpi di paesaggio?

Gli scatti di paesaggio non hanno un soggetto chiaro, rendendo difficile sapere cosa mettere sui punti di interesse. Sarebbe meglio mettere l’orizzonte sul terzo superiore o inferiore quando si catturano immagini di paesaggio. Ogni volta che si spara un’immagine di paesaggio, prendere in considerazione un colpo di ciascuno.

Devo applicare sempre la regola dei Terzi?

Utilizzando la regola dei terzi, è possibile creare foto dinamiche che sono attraenti per l’occhio umano.

Ma ciò non significa che devi applicare la regola dei terzi tutto il tempo. Come per tutte le altre regole della fotografia, c’è sempre la possibilità di infrangerle.

Ci saranno momenti in cui un ritratto sembra migliore quando il soggetto è al centro dello scatto. Oppure il paesaggio che hai catturato attira la tua attenzione al centro dell’immagine. Quindi, la regola dei terzi non è in atto per limitare la tua spontaneità o rovinare scatti incredibili.

È lì solo per aiutarti a migliorare, aiutarti a visualizzare i tuoi scatti in modo diverso e aiutarti a scattare la migliore fotografia possibile.

Regola dei terzi Video

La regola dei terzi in 5 minuti / Creazione di inquadrature più dinamiche

La Regola dei Terzi | Che cos’è? Cinema & Fotografia di Formazione

La Regola dei Terzi, in Arte

Capire la Regola dei Terzi | Adobe Principi di Progettazione del Corso

Utilizzando la Regola dei Terzi nel Cinema

Regola dei Terzi e la Profondità

Parole

Se volete affinare le vostre abilità fotografia, uno dei modi più semplici è quello di applicare la regola dei terzi per tutte le foto scattate. Utilizzando la regola dei terzi griglia nelle tue fotografie è facile. Che tu lo faccia con la tua fotocamera o il tuo software di editing, non c’è niente di sbagliato nel provarlo durante il tuo prossimo servizio fotografico.

Qual è la Regola dei Terzi? In fotografia, la regola dei terzi è un tipo di composizione in cui una foto è divisa uniformemente in terzi, orizzontalmente e verticalmente. Quindi, con la griglia immaginaria 3*3 di 9 segmenti formati da due linee orizzontali e verticali ciascuna, il soggetto dell’immagine viene posizionato all’intersezione di quelle linee…

Qual è la Regola dei Terzi? In fotografia, la regola dei terzi è un tipo di composizione in cui una foto è divisa uniformemente in terzi, orizzontalmente e verticalmente. Quindi, con la griglia immaginaria 3*3 di 9 segmenti formati da due linee orizzontali e verticali ciascuna, il soggetto dell’immagine viene posizionato all’intersezione di quelle linee…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.