Big Agnes: Il piccolo marchio di sacchi a pelo che potrebbe

Ottenere l’accesso a tutto ciò che pubblichiamo quando ti iscrivi per Outside+.

Al di fuori dell’industria outdoor, nelle città in cui le persone indossano scarpe da sera per lavorare e i loro blazer sono blazer, non giacche tecniche sotto mentite spoglie, “dirtbag” è una parola sporca. E ‘ un insulto non preso gentilmente.

Ma qui, a Steamboat Springs, Colorado, è un distintivo d’onore e autenticità. È una parola che potresti usare per descrivere le radici di Big Agnes, che si è espansa così rapidamente dalla sua fondazione nel 2001 che è cresciuta edificio dopo edificio, creando un campus tentacolare, di sorta, di spazi commerciali e case trasformate in negozi e uffici. Alla fine dello scorso anno, il marchio si è trasferito per consolidare in un edificio che ospiterà la maggior parte dei suoi membri del personale. Le persone che avevano tipicamente comunicato via telefono ed e-mail, anche se stavano lavorando a pochi minuti di distanza nella stessa piccola città, sono ora per lo più tutti nella stessa posizione, che aumenterà l’efficienza di una macchina già ben gestito.

La storia di come questa piccola azienda è diventata l’impresa premiata che è oggi ha molto a che fare con quell’autenticità sporca. Ci sono voluti solo Big Agnes tre anni per vincere il suo primo premio Backpacker Editors ‘ Choice, per il suo nucleo aria isolata, e ora ha 11, tra decine di altri premi da media endemiche e non endemiche.

Questa autenticità deriva in gran parte dal desiderio del marchio di risolvere i problemi mentre li incontrano, invece di progettare nuovi attrezzi solo per avere qualcosa di fresco da mettere sugli scaffali la prossima stagione.

Bill Gamber, Big Agnes founder
Big Agnes founder Bill Gamber su un campout aziendale sotto il muro giallo sul Monte. Zirkel nel Monte. Zirkel Wilderness Area (CO).Grande Agnes

“Andiamo al campo e torniamo e diciamo:” Dovremmo davvero fare una tenda che faccia questo, o Wow, dovremmo renderla più leggera, o farla avere più spazio, ma essere ancora molto leggera”, dice Bill Gamber, fondatore e co-proprietario di Big Agnes. Anche dopo 17 anni di attività, Gamber è ancora fortemente coinvolto nel processo di progettazione del prodotto—e umile circa i suoi successi. Non diciamo mai: ‘Abbiamo bisogno di qualcosa di nuovo.'”

Il fondatore di Big Agnes è entrato nel design del prodotto per creare un sistema di sonno migliore

Gamber ha iniziato Big Agnes perché voleva creare un sistema di sonno migliore. Era stufo di avere il suo sacco a pelo rotolare fuori il suo materassino, così ha sviluppato un set che ha lavorato insieme: far scorrere il pad nella parte inferiore della borsa, in modo da rimanere fermo. È un’idea abbastanza semplice-e che da allora è stata ampiamente imitata tra i concorrenti-ma Gamber è stato il primo a realizzare un prodotto scalabile. Credeva nel marchio, e così ha fatto alcuni membri del personale ora di lunga data che hanno lavorato gratuitamente fino a quando la società ha trasformato un profitto.

La prima fiera Retailer outdoor a cui sono andati è stata nell’agosto del 2000, con uno stand 10 x 10, ricorda Len Zanni, co-proprietario. A quel tempo, era sul lato PR delle cose, lavorando per Backbone Media, che rappresenta ancora Big Agnes quasi 20 anni dopo. Tre anni dopo aver rappresentato il marchio, Gamber e il suo ex socio in affari si sono divisi, e Zanni e il terzo co-proprietario Rich Hager hanno avuto l’opportunità di comprarsi essenzialmente posti di lavoro, ha detto Zanni. Hanno morso e investito nell’azienda.

In quella prima fiera, Big Agnes ha portato con sé due sacchi a pelo e due pastiglie e ha segnato una manciata di appuntamenti mediatici. Non avevano idea di dove avrebbero prodotto su larga scala dovrebbe saltare in aria, Zanni ha detto.

Len Zanni, Rich Hager, Bill Gamber
I proprietari di Big Agnes (da sinistra a destra, Len Zanni, Rich Hager e Bill Gamber) hanno accettato il premio Imprenditore dell’anno 2015 dalla Yampa Valley Community Foundation.Grande Agnes

“Ricordo la mia prima visita al Grande stand di Agnes a quello spettacolo del 2000. La Grande Agnes era sul retro di un padiglione, credo, e saltellava. E ‘ stata una delle storie buzz di quello spettacolo,” dice OBJ editor-in-chief, Kristin Hostetter, poi BACKPACKER’s gear editor. “Il pad sleeve integrato era un concetto piuttosto inverosimile a quel tempo, e il primo vero shakeup che avevamo visto nei sistemi sleep da anni. Ma Gamber aveva una buona storia, ed era piacevolmente autentico. Ha parlato delle sue esperienze personali di campeggio, e ha risuonato. Abbiamo testato la marcia ed è diventato abbastanza chiaro subito che era su qualcosa.”

Backbone Media, una delle più grandi aziende di PR nel settore outdoor, ha assunto Big Agnes presto. Penn Newhard, fondatore e managing partner di Backbone, si è incontrato con Gamber in una stanza sul retro in una stazione di servizio di I-70, e hanno parlato per ore fino a quando non sono stati cacciati. Ci sono tre domande chiave che Newhard si pone quando assume nuovi clienti, dice, che si riducono a questo: Crediamo nel prodotto? Ci piace la persona, sarebbe divertente lavorare con, e ci sarebbe rispetto reciproco? E ci sentiamo come se potessimo davvero aiutarli, e ci spingerebbero ad essere un’agenzia migliore?

“Era super evidente, in quelle prime tre ore, che quelle caselle erano come check, check, check”, dice Newhard.

Le due società si sono unite sin dall’inizio. Ci si potrebbe aspettare Newhard di essere gratuito del proprio cliente, ma ha sgorgato su Gamber e Zanni da entrambi i punti di vista personali e professionali. Sono guidati, intelligenti, concentrati e conoscono i loro clienti—in parte perché sono i loro stessi clienti—e sanno di non prendersi troppo sul serio, ha detto Newhard. Gamber è tenace, premuroso e umile. Zanni è sobrio e un ciclista veloce e di talento la cui “capacità tranquilla” ha segnato investimenti Honey Stinger da Lance Armstrong, quando era il più grande nome nel ciclismo.

Quello che fa Big Agnes, fa bene

Big Agnes Mint Saloon

Big Agnes Mint Saloon
Big Agnes

La tenda Mint Saloon è la prima Grande tenda Agnes a caratterizzare la propria stampa personalizzata aspen.

Big Agnes Insulated Air Core

Big Agnes Insulated Air Core
Big Agnes

The Insulated Air Core was Big Agnes’ first big winner: It won a Backpacker Magazine Editor’s Choice award in 2004.

Helinox Chair Zero

Helinox Chair Zero
Big Agnes

Oltre ai propri prodotti, Big Agnes distribuisce anche le sedie ultraleggere da campo Helinox. La sedia Zero, qui, è un volant zaino in spalla che racchiude un incredibile rapporto peso-comfort. “Durante il viaggio di Backpacker’s Editor’s Choice in Colombia, tutti quelli che non ne avevano uno erano gelosi”, dice l’assistente editor di OBJ Kassondra Cloos, che era in viaggio. “Quando il terreno è fradicio, sedersi su una sedia invece di accovacciarsi nel fango vale la pena di imballare il chilo in più.”La sedia ha vinto facilmente un premio CE.

Big Agnes Copper Spur HV UL2

Big Agnes Copper Spur HV UL2
Big Agnes

Big Agnes’ linea di rame sperone tende quasi in cima al mercato per le vendite tenda. Il HV UL2, qui, è una tenda zaino in spalla per due. L’HV UL4, abbastanza spazioso per quattro uomini per dormire comodi, ha recentemente vinto Backpacker Magazine Editor’s Choice award.

Grande Agnes Tensleep Stazione 4

Grande Agnes Tensleep Quattro
Grande Agnes

“La Tensleep Station 4 è un palazzo di famiglia”, afferma Kristin Hostetter, caporedattore di OBJ, che ha testato la tenda in campeggio per famiglie e gite in canoa nel New England con suo marito, due ragazzi adolescenti e un laboratorio di 60 chili. “Amo l’altezza libera e la ventilazione. Non ci siamo mai sentiti soffocati nelle calde notti estive.”

Una piccola città ricetta per il successo

Piccole città come Steamboat-che è cresciuto quasi il 60 per cento tra il 1999 e il 2013 ad una popolazione in piena espansione di 12.000 persone—non sono generalmente dove ci si aspetterebbe di trovare il tipo di talento che ha fatto Grande Agnes tanto successo. Ma la gente vuole vivere quel tipo di stile di vita, dice Zanni, e un sacco di persone esperte e appassionate finiscono in città come Steamboat per un motivo o per l’altro. Non sembrano avere alcuna carenza di candidati di lavoro quando stanno assumendo.

A Big Agnes, il fatturato dei dipendenti è piuttosto basso: Molti dei primi dipendenti hanno bloccato con il marchio. I membri dello staff godono di vantaggi come portare i loro cani al lavoro, una clausola di polvere (10 pollici di neve + approvazione del manager = giorno di neve pagato), accampamenti dei dipendenti in cui il personale può partire a mezzogiorno in un giorno feriale e tornare a mezzogiorno il giorno successivo, e essere pagati per fare volontariato su progetti come trail work. In 2016, Big Agnes ha guadagnato un posto ambito nella lista di Outside Magazine dei migliori posti di lavoro.

“Un sacco di volte, alcune delle migliori idee potrebbero essere covate sulla seggiovia, tra un paio di colleghi che si sono incontrati per caso quella mattina a sciare”, dice Zanni. “Se non abbiamo offerto questo genere di cose, perché essere basato in un posto come Steamboat Springs?”

Il successo del marchio è” una combinazione di un grande equipaggio, duro lavoro, molta passione, un po ‘di fortuna e tempismo”, afferma Zanni. “Metti tutto in un frullatore, mescolalo in alto, e in qualche modo questo è ciò che ci ha aiutato ad arrivare dove siamo oggi.”

I prodotti premiati portano a una forte crescita per Big Agnes

Nel 2016, Big Agnes si è classificata al secondo posto nelle vendite tra i produttori di tende di marca (dietro a giant, Coleman) secondo i dati del gruppo NPD. È cresciuto le vendite del 15 per cento l’anno scorso, che era 10 volte più veloce rispetto alla categoria tenda totale. Nella categoria sacco a pelo, Big Agnes al quinto posto, con le vendite rimanendo costante come categoria vendite sono diminuite altrove.

La risposta a come e perché Big Agnes è cresciuta in modo così evidente è facile, secondo Newhard: si tratta di un prodotto pluripremiato. Di volta in volta, la roba di Big Agnes funziona.

” E ‘ quasi diventato—e lo dico con un sorriso—ho ronzio per andare al rivenditore all’aperto e scoprire quale scelta del redattore o Gear of the Year award Big Agnes ha vinto questa volta, “ha detto Steven” Leon ” Lutz, direttore del branding e merchandising per rivenditore Backcountry Edge. “È un grande per qualsiasi marchio vincere un premio di quel tipo, ma quando un marchio vince più premi, questo alimenterà la crescita. Ed è certamente una cosa eccitante per noi essere in grado di dire ai nostri clienti.”

Big Agnes è sempre un passo avanti rispetto ai suoi concorrenti, dice Newhard, dando l’esempio della tenda mtnGLO, che ha un sistema di illuminazione integrato. “Quella dedizione e concentrazione-sembra quasi contrito da dire, ma capire veramente il tuo cliente ed essere uno di loro da solo porta a un ottimo design del prodotto, e lo porta in modo intuitivo. Tenacia li ha messi in un luogo dove, tranquillamente, sono diventati un marchio dominante in tende e sacchi a pelo.”

Big Agnes ha iniziato a fare tende nel 2003, ma hanno rapidamente rovesciato alcuni dei più grandi nomi là fuori che sono stati in giro molto più a lungo.

Secondo NPD Group, Big Agnes ha aumentato le sue vendite di tende da una crescita a due cifre in ciascuno degli ultimi due anni; i suoi più venduti sono i modelli Copper Spur e Fly Creek. Big Agnes ha eliminato concorrenti di grandi nomi come The North Face e Black Diamond.

Questo tipo di successo può essere un po ‘ stridente, Gamber dice. Ed è difficile, forse ancora più difficile, rimanere in cima una volta arrivati lì.

“Vediamo tendenze diverse e vediamo dove siamo, e questo lo rende , a volte, più spaventoso”, dice Gamber. “È più facile quando stai solo scheggiando e nessuno sta davvero prestando attenzione. È più difficile quando sei in cima e la gente vuole buttarti fuori.”

Ottenere l’accesso a tutto ciò che pubblichiamo quando ti iscrivi per Outside+. Al di fuori dell’industria outdoor, nelle città in cui le persone indossano scarpe da sera per lavorare e i loro blazer sono blazer, non giacche tecniche sotto mentite spoglie, “dirtbag” è una parola sporca. E ‘ un insulto non preso gentilmente. Ma qui,…

Ottenere l’accesso a tutto ciò che pubblichiamo quando ti iscrivi per Outside+. Al di fuori dell’industria outdoor, nelle città in cui le persone indossano scarpe da sera per lavorare e i loro blazer sono blazer, non giacche tecniche sotto mentite spoglie, “dirtbag” è una parola sporca. E ‘ un insulto non preso gentilmente. Ma qui,…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.